James and The Dreams


James Harden


«Could u wake me up at 7:00 and could u leave me a couple of dollars. P.S. Keep this paper. Imma be a star ». James Harden is twelve years old and has a damned clear idea when he writes this note to his mother. He lives in Compton, one of the most disreputable suburbs in Los Angeles.



His father is in jail and he only has basketball as a deterrent to delinquency. An American story already written and read. The boy wins a couple of state titles with the Artesia High School, passes to Arizona State and in 2009 is chosen by the Oklahoma City Thunders at the third call of the draft. He ends up in a stellar team with Kevin Durant and Russell Westbrook. In 2011 he finally exploded, he was elected best league sixth man and reached the NBA finals, lost to the Miami Heat. The Thunders offer him a contract renewal of $ 55 million for four years but the player refuses and joins the Houston Rockets where he aims to become a franchise player. It is 2012.

After three years Mike D'Antoni arrives as a coach and The Beard is moved from the role of guard to that of the play-maker. A real turning point in his career. In the summer of 2017 the Rockets decide to extend its contract and offer it 228 million for four years. Harden accepts: until 2023 he will be the highest paid player in the entire NBA. The player is now a planetary icon. Thanks also to his particular style that becomes unique thanks to the thick beard that frames his face. The boy makes a large display of his money between a collection of watches and a super cars. But without forgetting the weaker ones with the Harden Team, a charitable foundation.

Man…what a bore!

And then, in a fold of his life here is the little news that makes him human and, let's face it, even nice. All merit, or fault, of Drake.

The Canadian rapper, in fact, decides to celebrate the end of the career of three strippers in a strip club in Houston and does so by staging a real event in which the shirts are hoisted with the names of the girls on the ceiling of the room. Just as it is done with the strongest NBA players, whose tank top is withdrawn from their teams and hung on the vault of the sports building. The photos of the "ceremony" go around the social networks and in the town of Texas many laugh out loud. Until, during the radio program Joe Budden Podcast, the bomb is dropped: in that room was also hung Harden's shirt.

Boom! In the puritan and bigoted America it upsets many. Why does the 13 stand out in such a sordid place? A tam tam media is unleashed and it is learned that, in reality, inside the Dreams (this is the evocative name of the strip club ...) there is, in reality, a huge banner with the photo of James Harden in action. The club leaders do not confirm, do not deny and do not explain. Yet that banner appears in the post Instagram of some goers, including Drake. Until you find the post Facebook of the dancer Jasmin Tayolor who, under the photo of a pack of dollars, writes: "Lonng but great night thanks to James Harden :-) #blessed». In short, the meaning of everything. 1) Harden is a frequent visitor to the Dreams. 2) Harden is a great frequenter of the Dreams. 3) Harden is such a great dreamer who has dedicated a banner to him. Then there would be the story of the "long" time spent at Dreams but here, honestly, only the envy of those who can not afford such nights takes off. Seriously, the fact that an NBA player frequent such places is not big news. But that his merit in this area pushes the creation of a banner makes a lot of laugh. With all due respect to the two dollars asked to the mother at the age of twelve and that today they are definitely finished in the pants of some Stars and Stripes girl with many other “green brothers”.


Italian Version

«Could u wake me up at 7:00 and could u leave me a couple of dollars. P.S. Keep this paper. Imma be a star ». James Harden ha dodici anni e le idee maledettamente chiare quando scrive questo biglietto per la madre. Vive a Compton, uno dei sobborghi più malfamati di Los Angeles.

Suo padre è in carcere e lui ha solo il basket come deterrente alla delinquenza. Una storia americana già scritta e letta. Il ragazzo vince un paio di titoli statali con la Artesia High School, passa ad Arizona State e nel 2009 viene scelto dagli Oklahoma City Thunders alla terza chiamata del draft. Finisce in una squadra stellare con Kevin Durant e Russell Westbrook. Nel 2011 esplode definitivamente, viene eletto miglior Sesto Uomo della lega e raggiunge le finali NBA, perse contro i Miami Heat. I Thunders gli offrono un rinnovo contrattuale da 55 milioni di dollari per quattro anni ma il giocatore rifiuta e si accasa agli Houston Rockets dove mira a diventare un giocatore franchigia. È il 2012.

Dopo tre anni arriva Mike D'Antoni come allenatore e The Beard viene spostato dal ruolo di guardia a quello di play-maker. Una vera e propria svolta nella sua carriera. Nell’estate del 2017 i Rockets decidono di estendere il suo contratto e gli offrono 228 milioni per quattro anni. Harden accetta: fino al 2023 sarà il giocatore più pagato di tutta la NBA. Il giocatore è ormai un’icona planetaria. Grazie anche al suo particolare stile che diventa unico grazie alla folta barba che gli incornicia il viso. Il ragazzo fa ampio sfoggio del suo denaro tra una collezione di orologi e una di super car. Senza, però, dimenticare i più deboli con l’Harden Team, una fondazione benefica.

Mamma che noia!

E, poi, in una piega della sua vita ecco la piccola notizia che lo rende umano e, ammettiamolo, anche simpatico. Tutto merito, o colpa, di Drake.

Il rapper canadese, infatti, decide di festeggiare la fine della carriera di tre spogliarelliste in uno strip club di Houston e lo fa inscenando un vero e proprio evento in cui vengono issate le maglie con i nomi delle ragazze sul soffitto del locale. Proprio come viene fatto con i giocatori NBA più forti, la cui canotta viene ritirata dalle proprie squadre e appesa sulla volta del palazzo dello sport. Le foto della “cerimonia” fanno il giro dei social e nella cittadina texana sono in molti a ridere di gusto. Fino a quando, durante il programma radiofonico Joe Budden Podcast, viene sganciata la bomba: in quel locale è stata appesa anche la maglia di Harden.

Boom! Nella puritana e bigotta America la cosa sconvolge parecchi. Perché il 13 campeggia in un locale così sordido? Si scatena un tam tam mediatico e si viene a sapere che, in realtà, all’interno del Dreams (questo l’evocativo nome dello strip club…) c’è, in realtà, un enorme banner con la foto di James Harden in azione…di gioco. I responsabili del club non confermano, non smentiscono e non spiegano. Eppure quel banner compare nei post instagram di alcuni frequentatori, Drake compreso. Fino a quando non viene scovato il post facebook della ballerina Jasmin Tayolor che, sotto la foto di un pacco di dollari, scrive: «Lonng but great night thanks to James Harden :-) #blessed». In poche parole il significato del tutto. 1) Harden è un frequentatore del Dreams. 2) Harden è un grande frequentatore del Dreams. 3) Harden è un così grande frequentatore del Dreams che gli hanno dedicato un banner. Poi ci sarebbe la storia del “lungo” tempo passato al Dreams ma qui, onestamente, scatta solo l’invidia di chi non può permettersi serate del genere. Scherzi a parte, il fatto che un giocatore NBA frequenti posti del genere non è una grande novità. Ma che la sua benemerenza in tale ambito spinga alla creazione di un gonfalone fa parecchio ridere. Con buona pace dei due dollari chiesti alla mamma a dodici anni e che oggi sono sicuramente finiti nelle mutande di qualche maggiorata a Stelle e Strisce in compagnia di tanti altri fratelli verdi.